martedì 25 febbraio 2014

Strudel di mele e crema alle mandorle

La ricetta per la sfida di MTC  n. 36 di febbraio mi riporta indietro nel tempo...il ricordo dolce di una gentile amica di Praga che ci ha lasciato da un po' e che puntuale ad ogni pranzo di Natale portava il suo mitico strudel di mele...
La mia ricetta, con qualche variante su quella classica, la dedico a lei e ai  momenti di complice intesa davanti all'ultima fetta e all'ultimo residuo di panna (che lei metteva praticamente in ogni cosa!).
La pasta base è ovviamente quella di Mari del blog Lasagna pazza facile e dalla resa eccezionale.
Con questa ricetta partecipo (con gran difficoltà tecnologica!!) alla sfida di febbraio








Strudel di mele e salsa di mandorle

Per la sfoglia                                                 


150 g di farina 00
100 ml di acqua
1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva
1 pizzico di sale

Per il ripieno

700 g di mele
80 g di zucchero di canna
3 cucchiai di liquore alla cedronella
30 g di mandorle in granella
30 g di uva passa
50 g di pangrattato
30 g di burro
la scorza di ½ limone grattugiata

Scaldate l’acqua senza portarla ad ebollizione. Setacciate la farina in un recipiente, aggiungete il sale e l’olio e versate a mano a mano l’acqua calda mescolando. Quando la farina avrà assorbito tutta l’acqua, togliete l’impasto dal recipiente e cominciate a lavorarlo con le mani su una spianatoia per un paio di minuti, fino ad ottenere un impasto morbido. Mettete l’impasto a riposare, coperto da un panno umido, per circa mezz’ora. Nel frattempo accendete il forno e portatelo alla temperatura di 180°C, modalità statica.
Fate sciogliere in un tegame il burro e poi fatevi rosolare il pangrattato fino a farlo dorare e quindi farlo raffreddare ed infine aggiungere la scorza del limone grattugiata.
Tagliate le mele a cubetti quindi aggiungete zucchero di canna, le mandorle, l’uva passa, il liquore e mescolate bene il tutto.




 Infarinate leggermente un canovaccio pulito, appoggiatevi l’impasto e cominciate ad appiattirlo con le mani, quindi spianatelo aiutandovi con un mattarello. Quando la sfoglia comincerà ad essere abbastanza sottile sollevate la sfoglia dal tavolo aiutandovi con le mani e, tenendola con le nocche nella parte sottostante, cominciate a tirarla verso l’esterno facendola girare ogni tanto e facendo attenzione che non si rompa. La sfoglia deve diventare praticamente trasparente.
Disponete sulla sfoglia il composto di pangrattato, quindi sopra ad esso il ripieno di mele, lasciando liberi i bordi.




A questo punto, aiutandovi con il canovaccio, cominciate a sollevare la sfoglia per arrotolarla sul ripieno. Fate fare un paio di giri, quindi ripiegate anche i due lembi esterni e continuate ad arrotolare fino alla fine.
Riponete la sfoglia in una teglia precedentemente imburrata, spennellate la superficie della sfoglia con il burro fuso e mettete a cuocere.
Completata questa operazione infornare a circa 180° per 30 minuti o comunque finchè lo strudel no risulti dorato.
Ci vorranno circa trenta/quaranta minuti, ma siccome la cottura dipende molto dal forno, fate attenzione perché la sfoglia non deve diventare troppo scura bensì deve rimanere dorata.
Togliete la teglia dal forno e fate raffreddare lo strudel.

Crema alle mandorle


100 gr di mandorle
500 ml di latte
4 tuorli
100 gr di zucchero


Polverizzare le mandorle, aggiungere i tuorli d'uovo e il latte e lavorare fino ad ottenere un composto liscio.
Aggiungere lo zucchero e senza mai smettere di lavorare la crema cuocere per circa 10 minuti fino ad addensare gli ingredienti e ad ottenere una crema liscia e soda. Prima di servire far riposare e riporre in frigorifero per circa 15 minuti.








 

 

4 commenti:

  1. Bella ricetta....... Ma sto ridendo ahahahahahahahahah...non per te...baci, Flavia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehhhh...se non ci fossi mi inventeresti, ammettilo!!! ahhahahahahha

      Elimina
  2. Cara Marina, che belle che sono le ricette legate ai ricordi!
    E che bella la tua ricetta, classica ma con piccole varianti che l'arricchiscono, ottime le mandorle insieme alle mele e quella bellissima crema d'accompagnamento sempre a base di mandorle, che completa il dolce richiamando i sapori del ripieno. Sono contenta che ti sia piaciuta la mia ricetta della pasta matta, sei riuscita a trare la sfoglia bella sottile. Bravissima e grazie per la tua partecipazione nonostante le difficoltà tecnologiche :)
    Mari

    RispondiElimina
  3. Grazie Mari, come già per altre sfide anche questa volta ho provato a mantenere equilibrio fra gli elementi della ricetta....il risultato...bè il risultato è finito subito!!!! La tua ricetta della pasta matta è eccezionale, non la mollo più!

    RispondiElimina