lunedì 21 ottobre 2013

american breakfast a modo mio!





Non lo nascondo.... quando ho visto l'argomento della sfida sono entrata in crisi perchè, non mi vergogno a dirlo, io con la cottura a bagnomaria le fruste e la cucina d'oltre oceano non ho mai avuto "contatti"... è stato il blackout per qualche giorno!

Poi ho iniziato a notare che il panico era generale e serpeggiava tra di noi ed è stato allora che ho deciso di focalizzare un "problema" alla volta e ho iniziato a pensare e  rimuginare sulla seconda portata. Dopotutto un dolcetto e una bevanda che vuoi che sia! Stendiamo quel famoso velo pietoso: mi ci è voluto un bel pò per elaborare qualcosa che potesse alleggerire la saporitissima prima portata...

Nel frattempo iniziavano a comparire le prime foto e devo confessare si è scatenato incontenibile il rivoletto di acquolina...e mi sono entusiasmata! Ho deciso di non guardare nello specifico nessuna delle ricette già pubblicate perchè volevo andare in totale autonomia e lasciare libera la mia fantasia. C'è voluto qualche giorno in più ma è diventato un chiodo fisso (queste poche righe le ho buttate giù mentre facevo una seduta di laser con le fisioterapiste che chiedevano lumi!) e ho cominciato con le prove tecniche.

La mia cavia canonica ha latitato e così ho fatto tutto da sola, come si dice qui da me, "manica e quartara"! Ho provato e assaggiato, provato e assaggiato....

Ad ogni modo eccomi qua a descrivervi quello che la mia testolina prodotto!




Con questa ricetta partecipo all'MTC n.33


Benedict's Egg











Per la prima portata mi sono mantenuta fedele il più possibile alla ricetta originale:

Uova alla Benedict con salsa olandese su pane al mais

Per la seconda portata volevo qualcosa di più leggero, come ho già detto, per cercare un equilibrio con la prima portata:

Muffin allo yogurt con vellutata di fragole e spremuta di arancia


Uova alla Benedict

Il procedimento che ho seguito è esattamente quello descritto da Roberta e cioè:

In una pentola alta 10 cm ho portato a bollore acqua e 15 ml di aceto. Nel frattempo ho rotto un uovo dentro una tazzina; ho creato un vortice con un cucchiaio di legno e infine ho buttato l'uovo, facendo cuocere per 2 minuti. Con l'aiuto della schiumarola ho tolto l'uovo, l'ho fatto raffreddare in acqua fredda.


Salsa olandese

4 tuorli d'uovo
120 gr di burro
il succo di mezzo limone
un pizzico di sale

In una ciotola d'acciaio ho lavorato i tuorli con il succo di limone e sale, quindi ho posto la ciotola su di una pentola con acqua in leggera ebollizione evitando il contatto con l'acqua e lavorando con la frusta ho versato il burro (sciolto in precedenza) a filo lavorando e amalgamando per bene. Una volta rappresa la salsa , ho aggiunto un pò di pepe e una scorza di limone




Pane al mais della Virginia



Alla ricetta originale ho aggiunto la pancetta

220 gr di farina di mais
3 cucchiai di grano tenero 00
1 uovo
1,5 tazze di latte
70 gr di burro
80 gr pancetta affumicata
1,2 g di lievito di birra ( io ho messo 1 cucchiaio abbondantr di baking powder per via della mia allergia)
sale


Lavorare il burro morbido con l' uovo.
Incorporare poco alla volta le farine precedentemente miscelate tra loro,il lievito, il latte, il grana e amalgamare.
Unire il gruviera, la pancetta e un pizzico di sale. Versare in uno stampo per plumcake per 3/4 e infornare a 200° per 30 minuti in forno già caldo.



Muffin allo yogurt e vellutata di fragole


200 gr d farina 00
1 pizzico di sale
60 gr di zucchero di canna
1 cucchiaino di lievito per dolci ( o 1 cucchiaino abbondante di baking poweder)
170 ml di yogurt alla ciliegia
1 uovo
50 gr di burro liquefatto e freddo

Mescolare lo yogurt, l'uovo e il burro. A parte mescolare la farina, il sale, lo zucchero e il lievito: aggiungere il composto con lo yogurt e mescolare velocemente.Versare l'impasto negli stampini riempendoli per 3/4, spolverare con zucchero di canna e  infornare a 180° per circa 40 minuti.
Non appena i muffin si saranno raffreddati, incidere la cupola con un coltellino e togliere un pò di composto, riempire con un cucchiaino di vellutata di fragole (o altra vellutata a piacere) e richiudere con la cupoletta.


Succo d'arance

3 arance
1 cucchiaio abbondante di zucchero
succo di 1/2 limone

Spremere le arance e filtrare il succo ottenuto, aggiungere lo zucchero e il succo di limone e mescolare fino a che lo zucchero non si sarà sciolto.

22 commenti:

  1. Contenta che tu ce l'abbia fatta..... visto?? non era poi così difficile, baci Flavia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..è stato più faticoso mettere i link e fare il post che provare le uova & co!!!

      Elimina
  2. Golosissimo il pane al mais, grande idea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! E' un pane buono e "colorato" che ho "arricchito" nel caso che il resto della colazione sembrasse troppo leggera! Ahahahahah

      Elimina
  3. So cosa intendi per "effetto chiodo fisso", ed è quello che accade ogni qualvolta esce la nuova ricetta per l'MTC. Un delirio. E se questa è la tua prima partecipazione, preparati. La tua vita non sarà più come prima.
    In ogni caso complimenti per la ricetta perché è assolutamente perfetta.
    Un bacio e a presto, Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' la seconda partecipazione e già il coniuge-cavia mi guarda come se fossi posseduta! :D

      Elimina
  4. Bellissima questa proposta, Marina!
    Come funziona la baking powder al posto del lievito di birra? Mi incuriosisce infatti quel profumatissimo pane al mais!

    RispondiElimina
  5. Bè il baking me lo ha portato Elisa Baker dirtto drito dagli USA perchè io avevo da poco scoperto della mia allergia al nichel e non potevo usare lieviti se non quello madre. I medici poco sanno di cucina a quanto pare e io finii per non mangiare più nulla di lievitato e poi Elisa mi ha dato il baking e ho provato...nessuna reazione!! E così lo uso come quello in polvere sia per i dolci che per il salato (in questo caso aumento un pò la dose. In effetti il risultato del pane al mais doveva essere ben più sodo e penso che la differenza sia proprio il lievito. Spero di non essere stata troppo prolissa!

    RispondiElimina
  6. Carissima Marina, tutta la mia stima e ammirazione per aver accettato di partecipare ad una sfida che prevede la realizzazione di un piatto cosi' complesso, pur avendo delle grandissime limitazioni nella scelta degli ingredienti. L'hai superata alla grande, credimi. Mi piacciono tantissimo le persone che non si perdono d'animo, ma affrontano le difficolta', e non parlo dell'MTChallenge, con positivita' e fiducia nella loro capacita' di risolvere i problemi. Io, da golosa inveterata, davvero spero di non trovarmi mai nella situazione di dover eliminare questo e quello dalla mia dieta, ma dovendolo fare l'unico atteggiamento giusto e possibile e' il tuo. Complimenti davvero, Marina. Grazie infinite per aver partecipato e grazie anche per il bell'esempio che ci dai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Roberta credimi ci sono cose ben più difficile da superare e ad agni modo cimentarmi in cucina insieme a voi tutti mi sta caricando tantissimo....il lato negativo è che si sta caricando anche il punto vita! Ahahahaah! Complimenti per la scelta dlla ricetta!

      Elimina
  7. nonostante tu sia una "novellina" ;-) hai una sorprendente capacità di interpretazione della sfida, che affonti ogni volta nel modo corretto. Si segue il tema- e poi le idee verranno da sole. A maggior ragione se si è dotati di competenze, abilità e fantasia come sei tu. La tua colazione è un bellissimo esempio di quello che avremmo voluto vedere questo mese: un uovo alla Benedict ben fatto, una selezione di proposte equilibrata, una perfetta aderenza al tema e al territorio. In più- ed è una nota tutta personale- ci aggiungo la mia ammirazione per come ti destreggi fra allergie e intolleranze insidiose come quella di cui soffri, senza perderti d'animo o finire in un mare di lacrime. Siamo nella stessa barca (io sono allergica a tutto, praticamente ;-) e sul tutto svettano le arachidi, altra presenza nascosta ovunque)e quando vedo persone come te, che affrontano le loro limitazioni comeuno sprone a far meglio, vorrei poterle portare ad esempio per tutti. Perchè è dalle piccole cose che poi si misurano le grandi. Grazie, Marina: abbiamo fatto un enorme acquisto, ad averti con noi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..i complimenti mi intimidiscono...sono tutta "papariata" che in catanese vuol dire che sto facendo una gigantesca ruota di pavone! sai come si dice: di necessità virtù! E visto che la mia fantasia da qualche parte deve trovare libero sfogo (decoravo porcellana e per ora non posso!) eccomi tra voi...un pò negata con il pc ma volenterosa in cucina! Grazie per l'accoglienza!!!

      Elimina
  8. Benvenuta anche a te in questa gabbia di matti! Ne vedrai delle belle, l'MTC crea dipendenza. E la colazione è fatta (e pure bene).....alla prossima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...sono già totalmente MTCdipendente!!!

      Elimina
  9. Marina é molto interessante il tuo pane al mais e anche l'idea di mettere lo yogurt alla ciliegia nell'impasto dei muffins!
    MI piace molto, semplice e non un mappazzone, brava :)
    Ti auguro una splendida serata
    Lou

    RispondiElimina
  10. Lo yogurt esalta il sapore senza predominare..'na meraviglia per il palato senza eccedere con le calorie! Grazie mille!

    RispondiElimina
  11. bellissimo accostamento..mi piace un sacco l'idea del pane al mais..sei stata grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, non pensavo che l'idea del pane avrebbe riscosso tanto successo....bene così!!

      Elimina
  12. Marinaaaaaaa...ma la vellutata di fragoleeeee.....spettacolare!! e il pane di mais ne vogliamo parlare.....me piaz!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Contenta che le mie semplici idee siano piaciute!!!

      Elimina
  13. innanzitutto...Marina benvenuta! :)
    e poi, complimenti di cuore, visto che sei entrata appieno nel clima che noi tutti respiriamo ogni mese durante la sfida dell'mtc :)
    un abbraccione!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!!! Eccitazione contagiosa e sfida con se stessi: come fare a meno di questo? Grazie ancora!

      Elimina